LO SVILUPPO DELL’ARTRITE REUMATOIDE DOPO LA VACCINAZIONE RICOMBINANTE DELL’EPATITE B

Obiettivo: la vaccinazione contro l’epatite B è stata associata all’artrite reattiva e raramente all’artrite reumatoide. Abbiamo definito il background clinico, sierologico e immunogenetico dei pazienti che sviluppano artrite reumatoide, subito dopo la vaccinazione contro l’epatite B ricombinante.

Metodi: vengono descritti gli antigeni clinici, sierologici e HLA di un gruppo di vigili del fuoco che hanno sviluppato artrite dopo la vaccinazione profilattica ricombinante contro l’epatite B (5 soggetti), così come un secondo gruppo di casi sporadici di artrite (6 pazienti) dopo la vaccinazione contro l’epatite B. .

Risultati: dieci degli 11 pazienti soddisfacevano i criteri rivisti dell’American College of Rheumatology per l’AR. Tutti i casi presentavano artrite persistente per più di 6 mesi; a 48 mesi di follow-up 2 casi non avevano più artrite infiammatoria. 9 pazienti hanno richiesto farmaci antireumatici modificanti la malattia. 5 soggetti erano positivi per HLA-DR4. I geni HLA di classe II che esprimono il motivo condiviso dell’AR sono stati identificati in pazienti con 9/11 genotipizzati per gli alleli HLA-DRbeta1 e DQbeta1 (0401, 0101 o 0404). Tutti i vigili del fuoco hanno condiviso l’allele HLA-DRbeta1 0301 e l’allele DQbeta1 0201, con cui è in linkage disequilibrium.

Conclusione: questi residui polimorfici nel sito di legame delle molecole MHC di classe II dei pazienti affetti sembrano in grado di legare alcune sequenze peptidiche dei peptidi vaccinali ricombinanti che hanno ricevuto e possono essere responsabili dello sviluppo di artrite reumatoide in questi casi da parte del vaccino contro l’epatite B

Il vaccino contro l’epatite B ricombinante può innescare lo sviluppo di artrite reumatoide negli individui MHC di classe II geneticamente suscettibili.


guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Lascia un tuo commentox
()
x