Vaccinazione antinfluenzale stagionale e l’accresciuto rischio di coronavirus e altri virus pandemici: realtà o finzione?

Durante questa grave malattia respiratoria acuta in corso da coronavirus (pandemia SARS-CoV-2), alcuni rapporti speculativi su significative associazioni dei vaccini antinfluenzali con un aumentato rischio di infezione da coronavirus è apparsa sia nei media che nei gruppi accademici.

 La speculazione che i vaccini aumenterebbero paradossalmente il rischio di infezioni possibilmente originate prima della pandemia di influenza A (H1N1pdm09) del 2009, dopo che quattro studi canadesi avevano suggerito che la ricezione del vaccino contro l’influenza stagionale aumentava il rischio di infezione da virus pandemico del 2009 il virus dell’influenza A (H1N1pdm09) confermata in laboratorio [1]

Questo ha portato a cinque ulteriori studi, ciascuno dei quali ha avvalorato queste iniziali risultati. Un meccanismo proposto alla base di questo fenomeno è il ‘peccato antigenico originale’ che è stato utilizzato per la prima volta per descrivere come prima l’esposizione al virus dell’influenza determina l’esito della successiva esposizione a ceppi antigenicamente correlati. 

Quando un individuo è infettato da un ceppo “evoluto” con un nuovo antigene dominante, leggermente diverso dal ceppo “originale” contro il quale la persona è stata vaccinata, il sistema immunitario produce anticorpi contro il ceppo “originale” attraverso preformati ad alta cellule B di memoria di affinità che inibiscono l’attivazione delle cellule B naïve con conseguente debole risposta immunitaria contro il nuovo ‘dominante’ sforzo.

Quindi, il rischio di infezione paradossalmente aumenta in individui vaccinati rispetto a individui non vaccinati [2].

Inoltre, è noto che i virus interferiscono con la circolazione di altri virus. Ad esempio, ci sono prove che la circolazione del rinovirus nella comunità interferisce e riduce la diffusione dell’influenza stagionale e virus pandemico [3,4]. È anche noto che l’interferenza virale interferisca con “assunzione” di vaccino antipolio orale. 

Tuttavia, più recentemente un nuovo fenomeno, “l’interferenza del virus associata al vaccino” è stato suggerito, per cui un vaccino può paradossalmente aumentare la circolazione di altri virus. Cioè, gli individui vaccinati possono essere a maggior rischio di altri virus respiratori perché non gli permettono di ricevere l’immunità non specifica associata all’infezione naturale [5,6].

Rikin, et al . [5] hanno riscontrato un aumento dell’incidenza di infezione respiratoria acuta nei bambini da virus respiratori non-influenzali tra 999 partecipanti (di cui 68,8% erano bambini) dopo la vaccinazione antinfluenzale a confronto ai bambini non vaccinati durante lo stesso periodo. 

In uno studio su 115 bambini [6], è stata trovata una conferma di un rischio significativamente alto di contrarre infezioni da virus respiratori non influenzali associato alla ricezione di un vaccino antinfluenzale di infezioni da virus respiratorio non influenzale. Il coronavirus era uno dei virus respiratori non influenzali [6]. 

Wolff, et al . [7] ha recentemente eseguito un ampio studio tra il personale della difesa per indagare sull’ interferenza da virus respiratori durante la stagione influenzale 2017-2018 da confrontare lo stato dei virus respiratori con la loro influenza sullo stato vaccinale. Hanno concluso che nel complesso, la ricezione della vaccinazione antinfluenzale non è stata associata all’interferenza del virus tra la popolazione in studio. Tuttavia, l’interferenza del virus derivato dal vaccino di specifici virus respiratori era significativamente associata a coronavirus and metapneumovirus umano [7]. 

Tuttavia, gli studi che hanno esaminato l’interferenza del vaccino antinfluenzale con specifici non-influenzali le infezioni virali sono scarse. Si ipotizza che un’infezione da virus respiratorio conferisca immunità contro lo stesso e altri virus respiratori per poco tempo, forse qualche settimana. Questa protezione immunitaria è associata all’attivazione della risposta immunitaria innata all’infezione virale mediata dal rilascio di interferoni di tipo I e altre citochine che hanno ampi effetti protettivi contro una gamma di virus [8]. 

Questo meccanismo immunologico, noto come etero sub tipica “immunità temporanea non specifica”, è stata proposto come il meccanismo biologico dietro il paradossalerisultati. Infezione influenzale naturale che avrebbe potuto fornire l’ospite con una certa immunità temporanea contro gli altri virus respiratori è prevenuto dalla vaccinazione antinfluenzale.

Quindi, il rischio di infezione da virus non influenzali (compresi i coronavirus) è paradossalmente aumentato [6]. La controversa questione del rischio più elevato di non influenza virus respiratori a soggetti vaccinati contro l’influenza ha guadagnato terreno durante la pandemia di SARS-CoV-2 in corso, che è anche un’infezione da coronavirus. Attualmente, non abbiamo dati sufficienti per stabilire o confutare l’associazione tra vaccinazione antinfluenzale e maggiore suscettibilità al coronavirus.

Abbiamo bisogno di eseguire urgentemente studi sistematici per trovare una risposta a questa domanda per quanto riguarda SARS-CoV-2. Questo è di vitale importanza poiché avrà una vasta portata implicazioni.

PII : S097475591600190

REFERENCES

1. Skowronski DM, De Serres G, Crowcroft NS, Janjua NZ, Boulianne N, Hottes TS, et al. Association between the 2008-09 seasonal influenza vaccine and pandemic H1N1 illness during spring–summer 2009: Four observational studies from Canada. PLoS Med 2010; 7: e1000258.

2. Zhang A, Stacey HD, Mullarkey CE, Miller MS. Original antigenic sin: How first exposure shapes lifelong anti-influenza virus immune responses. J Immunol. 2019; 202:335 340.

3. Linde A, Rotzén-Östlund M, Zweygberg-Wirgart B, Rubinova S, Brytting M. Does viral interference affect spread of influenza? Euro Surveill. 2009;14:19354.

4. Anestada G, Nordbo SA. Virus interference. Did rhinoviruses activity hamper the progress of the 2009 influenza A (H1N1) pandemic in Norway? Med Hypotheses. 2011;77:1132-4

5. Rikin S, Jia H, Vargas CY, Castellanos de Belliard Y, Reed C, LaRussa P, et al. Assessment of temporally-related acute respiratory illness following influenza vaccination. Vaccine. 2018;36:1958-64.

6. Cowling BJ, Fang VJ, Peiris JSM, Nishiura H, Chan KH, Ng S, et al. Increased risk of non-influenza respiratory virus infections associated with receipt of inactivated influenza vaccine. Clin Infect Dis. 2012;54:1778-83.

7. Wolff GG. Influenza vaccination and respiratory virus interference among Department of Defence personnel during the 2017-2018 influenza season. Vaccine. 2020;38:350-54.

8. Khaitov MR, Laza-Stanca V, Edwards MR, Walton RP, Gohde G, Contoli M, et al. Respiratory virus induction of alpha-, beta- and lambda-interferons in bronchial epithelial cells and peripheral blood mononuclear cells. Allergy. 2009;64:375-86.



Commenti

Lascia un commento