domenica 20 Giugno 2021

NYT, Studio sul coronavirus: l’immunità nei guariti potrebbe durare decenni.

Usa il pulsante altro per altre funzioni di condivisione
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Leggimi questo articolo

Quanto può durare l’immunità al coronavirus ? Anni, forse anche decenni, secondo un nuovo studio, la risposta più promettente a una domanda che oscurerebbe i piani per una vaccinazione di massa.

Otto mesi dopo l’infezione, la maggior parte delle persone che si è ripresa ha ancora abbastanza cellule immunitarie per respingere il virus e prevenire le malattie , lo mostrano i nuovi dati. Un lento tasso di declino a breve termine suggerisce, fortunatamente, che queste cellule possono persistere nel corpo per un tempo molto, molto lungo a venire.

La ricerca, pubblicata online, non è stata sottoposta a peer review né pubblicata su una rivista scientifica. Ma è lo studio più completo e di lunga durata sulla memoria immunitaria al coronavirus fino ad oggi.

“Quella quantità di memoria probabilmente impedirebbe alla stragrande maggioranza delle persone di contrarre malattie ospedaliere, malattie gravi, per molti anni”, ha affermato Shane Crotty, virologo presso l’Istituto di immunologia di La Jolla che ha co-diretto il nuovo studio.

La ricerca precisa che a distanza di otto mesi dall’infezione, la maggior parte dei pazienti guariti continua ad avere una quantità di anticorpi sufficienti per contrastare il virus responsabile della Covid e prevenire la malattia.

È probabile che i risultati rappresentino un sollievo per gli esperti preoccupati che l’immunità al virus possa essere di breve durata e che i vaccini potrebbero dover essere somministrati ripetutamente per tenere sotto controllo la pandemia.

E la ricerca coincide con un’altra recente scoperta: che i sopravvissuti alla SARS, causata da un altro coronavirus, trasportano ancora alcune importanti cellule immunitarie 17 anni dopo il recupero.

I risultati sono coerenti con le prove incoraggianti che emergono da altri laboratori. I ricercatori dell’Università di Washington, guidati dall’immunologa Marion Pepper, avevano precedentemente dimostrato che alcune cellule di “memoria” prodotte a seguito dell’infezione con il coronavirus persistono per almeno tre mesi nel corpo.

Uno studio pubblicato la scorsa settimana ha anche scoperto che le persone che si sono riprese dal Covid-19 hanno cellule immunitarie killer potenti e protettive anche quando gli anticorpi non sono rilevabili.

Questi studi “stanno tutti in generale dipingendo lo stesso quadro, ovvero che una volta superate quelle prime settimane critiche, il resto della risposta sembra piuttosto convenzionale”, ha detto Deepta Bhattacharya, immunologa presso l’Università dell’Arizona.

Akiko Iwasaki, immunologa dell’Università di Yale, ha affermato di non essere sorpresa che il corpo fornisca una risposta di lunga durata perché “è quello che dovrebbe accadere”. Tuttavia, è stata rincuorata dalla ricerca: “Questa è una notizia entusiasmante”.

Negli ultimi mesi, i rapporti sulla diminuzione dei livelli di anticorpi hanno creato preoccupazione per il fatto che l’immunità al coronavirus potrebbe scomparire in pochi mesi, lasciando le persone nuovamente vulnerabili al virus.

Ma molti immunologi hanno notato che è naturale che i livelli di anticorpi diminuiscano . Inoltre, gli anticorpi sono solo un braccio del sistema immunitario.

Sebbene gli anticorpi nel sangue siano necessari per bloccare il virus e prevenire una seconda infezione – una condizione nota come immunità sterilizzante – le cellule immunitarie che “ricordano” il virus più spesso sono responsabili della prevenzione di malattie gravi. “L’ immunità sterilizzante non avviene molto spesso, non è la norma”, ha detto Alessandro Sette, immunologo dell’Istituto di immunologia La Jolla e co-leader dello studio.

Più spesso, le persone vengono infettate una seconda volta da un particolare agente patogeno e il sistema immunitario riconosce l’invasore ed estingue rapidamente l’infezione. Il coronavirus, in particolare, è lento a fare del male, dando al sistema immunitario tutto il tempo per mettersi in marcia. “Potrebbe essere bloccato abbastanza velocemente che non solo non si verificano sintomi, ma non si è contagiosi”, ha detto il dottor Sette.

Il dottor Sette e i suoi colleghi hanno reclutato 185 uomini e donne, di età compresa tra 19 e 81 anni, che si erano ripresi dal Covid-19. La maggior parte presentava sintomi lievi che non richiedevano ospedalizzazione; la maggior parte ha fornito un solo campione di sangue, ma 38 hanno fornito più campioni per molti mesi.

Il team ha monitorato quattro componenti del sistema immunitario: anticorpi, cellule B che producono più anticorpi secondo necessità; e due tipi di cellule T che uccidono altre cellule infette. L’idea era di costruire un quadro della risposta immunitaria nel tempo osservando i suoi costituenti. “Se ne guardi solo uno, puoi davvero perdere il quadro completo”, ha detto il dottor Crotty.

Lui e i suoi colleghi hanno scoperto che gli anticorpi erano durevoli, con modeste diminuzioni da sei a otto mesi dopo l’infezione, sebbene vi fosse una differenza di 200 volte nei livelli tra i partecipanti. Le cellule T hanno mostrato solo un leggero e lento decadimento nel corpo, mentre le cellule B sono cresciute di numero, una scoperta inaspettata che i ricercatori non riescono a spiegare.

Lo studio è il primo a tracciare la risposta immunitaria a un virus in modo così dettagliato, hanno detto gli esperti. “Di sicuro, non abbiamo precedenti qui”, ha detto il dottor Gommerman. “Stiamo imparando, penso per la prima volta, alcune delle dinamiche di queste popolazioni nel tempo”.

Le preoccupazioni sulla durata dell’immunità al coronavirus sono state innescate principalmente dalla ricerca sui virus che causano il raffreddore comune. Uno studio spesso citato, condotto da Jeffrey Shaman della Columbia University, ha suggerito che l’immunità potrebbe svanire rapidamente e che le reinfezioni potrebbero verificarsi entro un anno .”Quello di cui dobbiamo essere molto consapevoli è se la reinfezione sarà o meno un problema“, ha detto il dottor Shaman. “E quindi vedere le prove che abbiamo questo tipo di risposta persistente e robusta, almeno a queste scale temporali, è molto incoraggiante.” Finora, almeno, ha osservato, le reinfezioni con il coronavirus sembrano essere rare.

La durata esatta dell’immunità è difficile da prevedere, perché gli scienziati non sanno ancora quali livelli di varie cellule immunitarie sono necessari per proteggersi dal virus. Ma gli studi finora hanno suggerito che anche un piccolo numero di anticorpi o cellule T e B può essere sufficiente per proteggere coloro che si sono ripresi.

I partecipanti allo studio hanno prodotto quelle cellule in quantità consistenti, finora. 

“Non c’è alcun segno che le cellule della memoria stiano improvvisamente precipitando, il che sarebbe piuttosto insolito”, ha detto il dottor Iwasaki. “Di solito, c’è un lento decadimento nel corso degli anni.”

Ci sono alcune prove emergenti che le reinfezioni con i comuni coronavirus del raffreddore sono il risultato di variazioni genetiche virali, ha osservato il dottor Bhattacharya, e quindi tali preoccupazioni potrebbero non essere rilevanti per il nuovo coronavirus.

“Non credo che sia una previsione irragionevole pensare che questi componenti della memoria immunitaria dureranno per anni”, ha detto.

Commenti