domenica 20 Giugno 2021

All’Accademia Nazionale delle Scienze si studiano Sterilità e Catastrofi per diminuire la popolazione mondiale

Usa il pulsante altro per altre funzioni di condivisione
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Leggimi questo articolo

L’inesorabile slancio demografico della popolazione umana globale sta rapidamente erodendo il sistema di supporto vitale della Terra. Di conseguenza, sono più frequenti gli appelli per affrontare i problemi ambientali sostenendo ulteriori riduzioni della fertilità umana

Per esaminare la rapidità con cui ciò potrebbe portare a una popolazione umana più piccola, abbiamo utilizzato modelli a matrice basati su scenari per proiettare la popolazione globale nell’anno 2100. Supponendo una continuazione delle tendenze attuali nella riduzione della mortalità, anche una rapida transizione verso un figlio unico mondiale porta di politica ad una popolazione simile a quella odierna entro il 2100. Anche un catastrofico evento di mortalità di massa di 2 miliardi di morti nel corso di un ipotetica finestra 5 anni a metà del 21 °secolo produrrebbe ancora circa 8,5 miliardi di persone entro il 2100.

In assenza di catastrofi o di grandi riduzioni della fertilità (fino a meno di due figli per femmina in tutto il mondo), le maggiori minacce agli ecosistemi, misurate dalle proiezioni regionali all’interno dei 35 punti caldi della biodiversità globale, indicano che l’Africa e l’Asia meridionale sperimenteranno le maggiori pressioni umane sugli ecosistemi futuri. Il grande slancio demografico dell’umanità significa che non ci sono leve politiche facili per cambiare sostanzialmente la dimensione della popolazione umana nei prossimi decenni, a meno di riduzioni estreme e rapide della fertilità femminile; ci vorranno secoli e l’obiettivo a lungo termine rimane poco chiaro. 

Tuttavia, una certa riduzione potrebbe essere ottenuta entro la metà del secolo e portare a centinaia di milioni di persone in meno da sfamare.

Commenti