domenica 20 Giugno 2021

Scienziata della Stanford University: i frammenti di DNA fetale umano presenti nei vaccini causano l’AUTISMO

Usa il pulsante altro per altre funzioni di condivisione
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Leggimi questo articolo

Dottoressa Theresa Deisher, dottorato di ricerca in Fisiologia Cellulare e Molecolare presso la Stanford University, torna ad incolpare i frammenti di DNA fetale umano presenti nei vaccini, come una delle cause di insorgenza di AUTISMO attraverso la pratica vaccinale.

Testimonianza presentata dalla Dottoressa Theresa A. Deisher, Sound Choice Pharmaceutical Institute Presidente Biotecnologia AVM

Testimonianza sui diritti di coscienza relativi alla divulgazione di farmaci biologici e farmaci alternativi.

Vorrei discutere dell’etichettatura equa e del consenso informato per i nostri medicinali e chiedere il tuo sostegno agli studi per esaminare le conseguenze sulla salute della contaminazione del DNA umano fetale abortito nei nostri medicinali e nei vaccini. È una questione di coscienza, sia per ragioni morali che per problemi di sicurezza, e un consumatore dovrebbe essere informato delle fonti contaminanti nei nostri medicinali e di medicinali alternativi disponibili che per loro potrebbe essere moralmente e filosoficamente discutibili.

Alcuni vaccini obbligatori per l’infanzia prima di entrare negli asili disponibili negli Stati Uniti sono prodotti utilizzando cellule fetali abortite, questi includono MMR (parotite morbillo rosolia) e varicella. Altri vaccini obbligatori per l’infanzia sono disponibili sia da fonti animali che umane, eppure genitori e nonni non ne vengono informati in modo che possano scegliere un vaccino compatibile con la loro coscienza.

Quando le aziende farmaceutiche sono passate dall’uso di linee cellulari animali ad utilizzare linee cellulari fetali umane abortite per produrre questi vaccini, a metà anni ’70, si presumeva, senza alcuna prova, che se si fossero usate cellule fetali abortite si sarebbe tradotto in un sistema di produzione più efficiente. Brevi discussioni su potenziali conseguenze negative per la salute derivanti dall’utilizzo di linee cellulari umane abortite per la produzione di vaccini è stata valutata in pochi minuti di riunioni consultive della FDA su questo problema. Tuttavia, non sono stati effettuati studi per misurare effettivamente l’entità di tali potenziali conseguenze negative.

I vaccini e i farmaci biologici (proteine ​​ingegnerizzate come farmaci) sono troppo grandi per essere prodotti in una provetta, in modo che le aziende sfruttino i normali macchinari utilizzati per produrre queste cellule. Nessun farmaco finale è mai completamente “puro” e lo scoprirai contaminando con DNA e detriti cellulari dalla cellula di produzione nel tuo Prodotto finale. Quando passiamo dall’uso di cellule animali all’uso di cellule umane, si ha DNA umano nei nostri vaccini e nei nostri farmaci. I genitori e i nonni, non dovrebbero sapere che stanno immunizzando i loro bambini con un vaccino particolare e stanno iniettando ai loro figli il DNA da un feto abortito? 

Eppure non ci sono leggi che richiedono ai produttori di farmaci di informare il pubblico su questo. 

Il foglietto illustrativo del vaccino MMR II (parotite, morbillo, rosolia), ti dice che: “MERUVAX * II (Rubella Virus Vaccine Live), con WistarCeppo RA 27/3 del virus della rosolia vivo attenuato inietta nell’uomo WI-38 fibroblasti polmonari diploidi ”, ma non ti dice che il DNA contaminante dal ceppo di propagazione WI-38 si trova nel prodotto finale. 

Il foglietto illustrativo per Varivax, un vaccino contro la varicella, afferma che il vaccino contiene “residui componenti delle cellule MRC-5 tra cui DNA e proteine ​​”, ma quanti genitori o nonni, figuriamoci pediatri e farmacisti, sanno che MRC-5, o WI-38, è una linea cellulare derivata da un feto abortito e quella il DNA e le proteine ​​contaminanti elencati sul foglietto illustrativo sono il DNA e proteine di un feto abortito? 

Se abbiamo il diritto legale di sapere cosa c’è nel nostro BigMac, non abbiamo il diritto di sapere cosa c’è nei nostri vaccini e medicinali? La contaminazione del DNA umano in questi vaccini ha il potenziale per innescare risposte immunitarie e anche il potenziale per essere incorporati nel nostri geni, un processo chiamato ricombinazione omologa.

L’articolo di copertina della rivista Time dell’8 giugno 2008 ha evidenziato l’aumento del numero di genitori statunitensi che rinunciano al programma vaccinale raccomandato a causa, tra le altre ragioni, della loro preoccupazione percepita su un legame tra vaccini e autismo. Secondo l’articolo del Times e le statistiche CDC, sui media, il 10% dei bambini statunitensi non è completamente vaccinato e in alcuni stati il tasso è molto più alto. Ad esempio, lo Stato di Washington ha una copertura vaccinale solo del 70%. I tassi così bassi di copertura vaccinale sollevano lo spettro di focolai epidemici di malattie come il morbillo che potrebbero paralizzare le economie locali e statali. 

I genitori, guidati da celebrità come Jenny McCarthy, esigono vaccini “puliti”. Questi genitori, tuttavia, non sanno chi possa produrre vaccini “puliti”. Non sanno cosa chiedere. Come potrebbero? In realtà non sanno cosa c’è nei vaccini. Il legame percepito tra i vaccini per l’infanzia e l’autismo ha generato nella stampa controversie significative dal 1992. Ad oggi è stato suggerito un collegamento, con il vaccino MMR. 

Dal 1983, il vaccino MMR negli Stati Uniti è stato prodotto solo utilizzando cellule fetali abortite. Casualmente, autismo grave ha iniziato a crescere negli Stati Uniti nel 1983, passando da meno di un bambino su 10.000 a 16-17 bambini su 10.000 (o circa 1 su 500) nel 1990. Il feti abortiti per produrre il vaccino MMR sono stati introdotti nel Regno Unito quasi un decennio dopo, ed è stato notato un aumento immediato dei livelli di autismo, che portano al sospetto legame tra il vaccino e autismo.

Sono stati effettuati studi internazionali per confutare questo collegamento, concentrandosi su Thimerosal (mercurio) trovato nel tampone del vaccino e sul morbillo componente di questo vaccino. Gli studi che sono stati condotti non hanno trovato un’associazione tra mercurio o la componente del vaccino contro il morbillo e l’autismo. Le conclusioni pubblicate, inclusa una recente storia del Washington Post, sono state queste: il vaccino MMR non è quindi collegato all’autismo. Eppure i genitori rimangono impauriti e poco convinti, e giustamente. 

Le uniche conclusioni che possono essere tratte dagli studi che sono stati fatti è che né il mercurio né il virus del morbillo nel vaccino può essere associato all’autismo. Non si può concludere dagli studi che non esiste alcun legame tra questo vaccino e l’autismo. Trovo affascinante, davvero sconcertante, che una conclusione così ampia come ”il vaccino MMR non è collegato all’autismo ”sia stato comunque diffuso al pubblico, alla comunità scientifica e ai funzionari pubblici. Nonostante non siano stati fatti studi ben progettati retrospettivi o prospettici, per esaminare veramente questo potenziale collegamento.

Non sono stati effettuati studi per esaminare il legame tra i vaccini contenenti DNA fetale umano abortito e livelli epidemici di malattie come l’autismo. In che modo i vaccini contaminati dal DNA umano possono contribuire alla malattia nell’essere umano? 

In primo luogo, c’è la possibilità che il DNA contaminante venga mescolato con i nostri geni, mediante un processo chiamato ricombinazione omologa. La ricombinazione omologa è un fenomeno biologico consolidato, in cui un segmento del DNA della cellula viene sostituito da un altro segmento di DNA simile. Questo si può verificare durante la divisione cellulare o la riparazione del DNA. La ricombinazione omologa si verifica naturalmente per creare diversità genetica nella nostra prole, ed è anche convenientemente sfruttato dagli scienziati per introdurre DNA sperimentale in cellule o animali. Noi non sappiamo ancora se ciò si verifichi con il DNA umano contaminante trovato in alcuni dei nostri vaccini, e in caso affermativo, in che misura. 

Immagina le potenziali conseguenze di DNA umano da un vaccino, un vaccino che viene somministrato ai bambini in un età media di 15 mesi, se questo viene incorporato nel cervello di un bambino in via di sviluppo. Non è necessario essere uno scienziato missilistico per sapere che questo potenziale deve essere studiato. Oltre al potenziale di ricombinazione omologa, il DNA è noto essere un potente immunostimolante. 

Malattie come il trapianto contro l’ospite, diabete giovanile (tipo 1), sclerosi multipla, lupus e alcune forme di artrite sono ciò che sono chiamate malattie autoimmuni. Ciò che queste malattie fanno al nostro sistema immunitario è guidare un attacco del nostro sistema immunitario contro i nostri stessi organi, un sistema normalmente responsabile dell’attacco contro batteri e agenti patogeni invasori. Un auto mirata distruzione, se vuoi. La scienza non lo sa ancora, tranne che per l’innesto contro la malattia dell’ospite, ciò che innesca l’attacco autoimmune. Ci mancano certamente gli studi che hanno esaminato la relazione tra le risposte immunitarie al DNA umano contenenti vaccini e malattie autoimmuni.

Vorrei chiedere a tutti voi di sostenere la legislazione FLICA, Fair Labelling e Consenso informato, per assicurare che i consumatori, siano essi motivi morali, filosofici o motivi di sicurezza, Sappiano cosa stanno dando ai loro figli attraverso i vaccini. La legislazione FLICA richiederebbe non solo il consenso informato, ma l’istruzione di ciascun genitore sui vaccini alternativi. Con l’approvazione della creazione di Ibridi UOMO-ANIMALI del Regno Unito la scorsa primavera, questa legislazione sta ora guadagnando terreno, sostegno bipartisan e pro-choice. Non vorresti sapere se la tua medicina contiene DNA da un ibrido uomo-animale?

Il DNA umano abortito nei nostri vaccini non è la fine, è solo l’inizio, come dimostra la creazione di ibridi uomo-animale. E’ stata sviluppata una nuova linea cellulare fetale interrotta, chiamata PerC6, e le licenze sono state prese da oltre 50 partner, tra cui il NIH e il Walter Reed Army Institute, per utilizzare questa linea cellulare per la produzione di nuovi vaccini e di prodotti biologici. L’obiettivo. lo scopo dell’azienda che ha creato il PerC6 deve diventare la linea di celle di produzione per TUTTI i vaccini, gli anticorpi terapeutici, i farmaci biologici e la terapia genica. 

Noi dobbiamo conoscere le conseguenze della contaminazione del DNA umano prima di svegliarci e scoprire che tutti i farmaci ricombinanti appena approvati sono prodotti da cellule fetali abortite. Le cellule fetali abortite vengono ora utilizzate anche per scoprire nuovi additivi alimentari e esaltatori di sapidità. Immaginate; le cellule di un feto abortito saranno usate per produrre le tue caramelle più dolci. Non è disgustoso? E inoltre, come afferma l’azienda che esegue questa ricerca, non si può mai sapere che questi additivi lo faranno, un giorno saranno nei nostri prodotti alimentari a causa delle attuali linee guida sull’etichettatura, che consentirebbe a questi nuovi additivi di essere segnalati con l’etichetta generica di “aromi artificiali”.

I diritti di coscienza di quasi la metà della popolazione degli Stati Uniti sono negati dalle nostre attuali linee guida sull’etichettatura dei prodotti biologici e degli additivi alimentari. La mancanza di informazioni costringe le persone a essere complici di una pratica che molti vorrebbero e trovano riprovevole se solo sapessero che vengono utilizzate linee cellulari fetali abortite per la scoperta e la produzione di farmaci

Biografia:

Theresa Deisher, Ph.D. (Presidente, Sound Choice Pharmaceutical Institute, CEO eMembro Dirigente, AVM Biotechnology). 

La dottoressa Deisher, è un esperta nel campo delle terapie con cellule staminali degli adulti e medicina rigenerativa, ha 18 anni di esperienza come leadership scientifica e aziendale che coinvolge ricerca, scoperta, produzione commercializzazione di terapie umane. Le abilità della dottoressa Deisher per scoperte scientifiche rivoluzionarie e la sua illustre ricerca scientifica hanno portato a 23 brevetti rilasciati a suo nome.

 Ha pubblicato numerose pubblicazioni scientifiche manoscritti ed è un frequente conferenziere invitata e oratore ospite nel settore delle cellule staminali tecnologia e medicina rigenerativa. Per tutta la sua carriera, la dottoressa Deisher è stata reclutata da alcune delle principali società di biotecnologia del paese, tra cui Genentech, Repligen, ZymoGenetics, Immunex e Amgen. Ha gestito e formato studenti universitari con lode, borsisti post-dottorato, dirigenti scientifici e oltre 20 assistenti / scienziati di ricerca a tutti i livelli di responsabilità.

La dottoressa Deisher si è laureata con la massima lode presso la Stanford University, e ha conseguito il dottorato di ricerca. in Fisiologia Molecolare e Cellulare presso il Dipartimento di Fisiologia molecolare e cellulare della Stanford University. Dopo aver ottenuto il dottorato di ricerca alla Stanford, la dottoressa Deisher è stata reclutata da Repligen Corporation (Cambridge, MA) e ha accettato una posizione come scienziata ricercatrice dove ha gestito uno staff di collaboratori e scienziati e ha diretto lo sviluppo di ricerca e saggi clinici a supporto di sperimentazioni cliniche di Fase I e Fase II per vari Repligen developmental efforts. Inoltre, la dottoressa Deisher è stata selezionata da Sr. Management per partecipare a iniziative di alleanza strategica, inclusa la partecipazione a Repligen / Eily Lilly comitato di sviluppo congiunto.

Dopo Repligen, la dottoressa Deisher ha accettato una posizione presso ZymoGenetics, Inc (Seattle, WA) come Sr. Scientist, Cardiovascular Biology. Mentre era a ZymoGenetics, le ricerche della dottoressa Deishere hanno portato nel campo della biologia cardiovascolare di dozzine di brevetti. La dottoressa Deisher è stata la prima persona al mondo a identificare e brevettare le cellule staminali dal cuore adulto, compreso quello che ora viene chiamato ‘Cellule staminali simili a embrioni’. La sua scoperta rimane una delle scoperte più significative nell’area della scienza sulla ricerca cellulare. All’interno del campo della medicina rigenerativa, la dottoressa Deisher ha anche un brevettato sull’invenzione del più potente fattore di crescita mesenchimale mai identificato (concesso in licenza a Serono per lo sviluppo clinico) e dell’uso di citochine per mobilizzare le cellule adulte simili a embrioni.

Dopo ZymoGenetics, la dottoressa Deisher è stata nominata Sr. Staff Scientist, Vascular Biology atImmunex (Seattle, WA) dove era il capo del progetto di entrambe le divisione Antithrombotic, la divisione infiammazione e riparazione miocardica. La dottoressa Deisher è stata nominata Principal Scientist presso Amgen, inc. (Seattle, WA) in seguito all’acquisizione di Immunex da parte di Amgen. Ha guidato team multidisciplinari che lavorano sulla biologia e sviluppo commerciale di nuovi percorsi di co-stimolazione coinvolti nell’inizio e la progressione dell’insufficienza cardiaca. I suoi interessi di ricerca comprendevano terapie con cellule staminali per la rigenerazione miocardica. Inoltre, il team della dottoressa Deisherha ha introdotto rivoluzionarie tecnologie di imaging non invasive per la ricerca preclinica in azienda, compresa l’ecografia (ecocardiografia) e l’imaging nel vicino infrarosso. Come di conseguenza, l’azienda è stata premiata come “Sito di eccellenza” ufficiale da Philips Medical per il lavoro pionieristico del suo dipartimento. Più di recente, la dottoressa Deisher è stata vicepresidente della ricerca e sviluppo per Cellcyte Genetics Corporation, carica che ha ricoperto fino all’ottobre 2007 prima della fondazione AVM Biotechnology e Sound Choice Pharmaceutical Institute.

Commenti