Il rapporto “Freedom on the Net 2020”, scritto da Adrian Shahbaz, Allie Funk e una rete di oltre 70 ricercatori, ha valutato 65 paesi e ha scoperto che gli utenti di Internet in Cina, che avevano un punteggio di 10, avevano la più bassa libertà per il sesto anno consecutivo. Il giro di vite della Cina contro le proteste a Hong Kong e l’attuazione della legge sulla sicurezza nazionale, vaga e ampiamente definita costituiscono un esempio per altri paesi. La legge consente alle autorità di agire contro qualsiasi tipo di discorso o espressione che consideri un reato.

I controlli Internet della Cina hanno ispirato paesi, compresa la Russia, a istituire politiche di regolamentazione che consentirebbero al paese di tagliare l’accesso globale durante le “emergenze nazionali”. L’anno scorso, il governo iraniano ha interrotto i suoi collegamenti con il resto del mondo a causa  della violenza della polizia contro i manifestanti.

Nel complesso, il rapporto ha rilevato che le autorità governative in molte parti del mondo hanno limitato l’accesso del pubblico alle informazioni a causa della pandemia, e che alcuni stati diffondono informazioni false o fuorvianti per sopprimere e distogliere l’attenzione dalla loro cattiva gestione della pandemia, ponendo la colpa a gruppi di emarginati. I ricercatori hanno detto che le nuove tecnologie, una volta considerate troppo invadenti, vengono ora utilizzate da alcuni paesi con il pretesto della pandemia per giustificare l’espansione dei poteri di sorveglianza del governo, in un modo che manca di “trasparenza, controllo indipendente e vie di ricorso”.

In molte parti del mondo, la censura del governo e la repressione della libertà di parola sono aumentate durante la pandemia, impedendo agli utenti di accedere a informazioni accurate e fattuali, hanno scritto gli autori. Questo accesso è particolarmente critico per rimanere informati e rimanere in contatto durante l’isolamento e le distanze. Ma il rapporto ha rilevato che le autorità governative hanno intrapreso azioni che mettono la politica al di sopra della salute pubblica, dal blocco dei siti Web legittimi alla chiusura completa del servizio Internet per alcune parti della popolazione. La copertura anticipata della Cina sull’epidemia in Cina è stata pesantemente criticata a causa degli sforzi del governo per controllare il flusso e il contenuto delle informazioni.

I moderatori hanno censurato milioni di contenuti contenenti oltre 2.000 parole chiave relative alla pandemia sulla principale piattaforma di comunicazione WeChat e la piattaforma di live-streaming YY, influenzando sia le critiche del Partito Comunista Cinese sia domande o osservazioni innocue sul virus”, gli autori ha detto, aggiungendo che i punti vendita online avevano ordini rigorosi su come e cosa segnalare.

Pechino è stata un esempio per paesi come Bangladesh, Egitto, Venezuela e Bielorussia, dove le notizie e le informazioni sono state censurate o bloccate, i governi hanno diffuso false affermazioni sul virus e su come difendersi dal virus. Lo Zimbabwe ha promulgato una legge contro le “false” informazioni sulla pandemia con pene fino a 20 anni di carcere, mentre l’India e l’Ungheria hanno arrestato i cittadini per commenti online che mettono in discussione o criticano le politiche del governo sulla pandemia.

Complessivamente durante la pandemia, il rapporto ha rilevato che 45 paesi avevano arrestato o detenuto utenti di Internet per discorsi correlati a COVID-19, 28 paesi hanno censurato siti Web o post sui social media, 20 paesi hanno implementato nuove leggi o ampliato le leggi esistenti che limitano il linguaggio online e 13 i paesi hanno imposto un certo livello di chiusura di Internet.

I nuovi poteri statali implementati durante le emergenze in genere non si attenuano una volta che la minaccia originale è passata, avverte il rapporto, indicando la militarizzazione delle forze dell’ordine e la normalizzazione della sorveglianza di massa da parte dei governi di tutto il mondo a seguito degli attacchi dell’11 settembre.

LO STATO DI SORVEGLIANZA DI DOMANI

La sorveglianza e la repressione durante la pandemia stanno gettando una “base pericolosa” per la sorveglianza dello stato in futuro, afferma il rapporto, osservando che molti dei cambiamenti che danno ai governi più potere arrivano con pochi controlli ed equilibri, se del caso.

Le app per smartphone raccolgono dati biometrici e di geolocalizzazione per facilitare il tracciamento dei contatti e applicare i requisiti di quarantena, ma alcune di queste app non dispongono di adeguate supervisioni indipendenti che salvaguarderebbero gli utenti dagli abusi da parte di governi e società private, hanno scritto gli autori.

Il Canada e gli Stati Uniti sono tra i paesi che hanno lanciato app di tracciamento dei contatti sulla privacy by design. La privacy by design è un framework di ingegneria globale sviluppato da Ann Cavoukian , ex commissario per la privacy per l’Ontario, che incorpora considerazioni sulla privacy durante l’intero processo di sviluppo di un sistema tecnico.

“La polizia e le aziende private stanno accelerando il lancio di tecnologie avanzate per monitorare i cittadini in pubblico, tra cui riconoscimento facciale, scansione termica e strumenti predittivi”, hanno scritto. “Questi sistemi sono stati implementati con poca attenzione o resistenza.”

Gli autori hanno avvertito che alcune delle informazioni raccolte potrebbero avere gravi conseguenze a lungo termine al di là della pandemia in termini di come le informazioni raccolte potrebbero essere utilizzate in modo improprio e provocare discriminazione, come l’accesso a determinati servizi sanitari e altri servizi pubblici.

Complessivamente, almeno 54 paesi hanno introdotto app per smartphone che offrono protezioni minime contro gli abusi. Ci sono dozzine di app di tracciamento dei contratti in Cina, ad esempio, che raccolgono dati personali facilmente accessibili dalle autorità. Con il governo che monitora gli spazi pubblici e online, utilizzando l’analisi dei big data, le app di tracciamento dei contatti e il riconoscimento facciale, il paese ha “l’approccio più completo e draconiano” alla pandemia, secondo i ricercatori. I terminali di dati sono installati anche in luoghi ad alto traffico, comprese le stazioni ferroviarie e gli hotel che raccolgono dettagli sui movimenti di una persona.

L’Arabia Saudita ha un’app che viene fornita con un braccialetto bluetooth obbligatorio, ad esempio, e secondo quanto riferito sta testando uno strumento di tracciamento dei contratti creato dalla stessa azienda che fornisce software al governo saudita per monitorare i critici tra cui attivisti e giornalisti, come Jamal Khashoggi del Washington Post. , ucciso all’interno di un consolato saudita a Istanbul nel 2018, hanno detto gli autori.

La vasta raccolta di sorveglianza non è stata limitata ai governi più autoritari. Gli sforzi della Corea del Sud per contenere il suo focolaio hanno permesso al governo di estrarre informazioni da carte di credito, rilevamento della posizione del telefono e telecamere di sicurezza. La legge prevede una clausola di caducità che richiede che tutti i dati relativi alla pandemia vengano immediatamente distrutti una volta che i “compiti pertinenti sono stati completati”.

Anche negli Stati Uniti, dove i dati sulla posizione sono resi anonimi e raccolti da vari livelli di governo, gli autori avvertono che i record possono essere “deanonimizzati” se aggregati con altri set di dati e analizzati tramite strumenti di big data.

RACCOMANDAZIONI POLITICHE

I responsabili politici e gli operatori del settore privato dovrebbero adottare misure per garantire uno spazio informativo affidabile e diversificato, proteggere i diritti umani dalla sorveglianza intrusiva e promuovere la libertà di Internet, hanno scritto gli autori in una serie di raccomandazioni emesse come parte del rapporto.

Le raccomandazioni includono non vietare i social media e le piattaforme di messaggistica, garantire che tutti gli utenti abbiano uguale accesso a Internet, essere trasparenti ed equi quando moderano i contenuti, non chiudere Internet o vietare i servizi Internet, implementare una forte legislazione sulla privacy dei dati e leggi che limiterebbero la nuova sorveglianza tecnologie e garantire che i programmi di sorveglianza intesi a contribuire al controllo della pandemia soddisfino gli standard sui diritti umani e abbiano una supervisione indipendente.

Gli autori hanno anche raccomandato ai responsabili politici di lavorare per includere misure di controllo significative per le aziende tecnologiche e implementare restrizioni all’esportazione sulla censura e sulle tecnologie di sorveglianza.

Più in generale, il rapporto spiega che l’educazione del pubblico sull’alfabetizzazione digitale, la sensibilizzazione e la conduzione di ricerche sulle nuove tecnologie di sorveglianza, la censura, il modo in cui i contenuti possono essere manipolati, come segnalare i falsi contenuti e consentire anche ad amici e familiari di essere consapevoli, sono componenti importanti per promuovere Internet libertà.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Lascia un tuo commentox
()
x