Cartabellotta: No ai vaccini a vettore virale sotto i 30 anni, i rischi superano i benefici

Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, ha scritto su Twitter: “Con una bassa circolazione virale, nelle persone di età inferiore a 30 anni i rischi di AstraZeneca possono essere maggiori dei benefici”, suggerendo quindi l’idea di non promuovere gli Open Day con i vaccini a vettore virale per i giovani.

Commenti

Lascia un commento