domenica 20 Giugno 2021

ALLUMINIO E MORBO DI ALZHEIMER

Usa il pulsante altro per altre funzioni di condivisione
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
Leggimi questo articolo

Il cervello è un organo altamente compartimentato eccezionalmente suscettibile all’accumulo di errori metabolici.

La malattia di Alzheimer (AD) è la malattia neurodegenerativa più diffusa negli anziani ed è caratterizzata dalla specificità regionale delle aberrazioni neurali associate a funzioni cognitive superiori.L’alluminio (Al) è il metallo neurotossico più abbondante sulla terra, ampiamente biodisponibile per gli esseri umani e ripetutamente dimostrato di accumularsi in focolai neuronali sensibili all’Alzheimer (AD).

Nonostante ciò, il ruolo dell’alluminio nell’Alzheimer è stato fortemente contestato sulla base delle seguenti affermazioni:

  1. L’Al biodisponibile non può entrare nel cervello in quantità sufficienti da causare danni,
  2. L’eccesso di alluminio viene espulso in modo efficiente dal corpo
  3. L’accumulo di alluminio nei neuroni è una conseguenza piuttosto che una causa della perdita neuronale.

La ricerca, tuttavia, rivela che:

  1. sono necessarie quantità molto piccole di alluminio per produrre neurotossicità e questo criterio è soddisfatto attraverso l’assunzione alimentare di alluminio
  2. L’alluminio adopera diversi meccanismi di trasporto per attraversare attivamente le barriere cerebrali
  3. L’acquisizione incrementale di piccole quantità di alluminio nel corso della vita ne favorisce la selettività e accumulo nei tessuti cerebrali
  4. Dal 1911, prove sperimentali hanno ripetutamente dimostrato che l’intossicazione cronica da alluminio riproduce le caratteristiche neuropatologiche dell’Alzheimer.

Idee sbagliate sulla biodisponibilità dell’alluminio possono aver fuorviato gli scienziati riguardo al significato dell’alluminio nella patogenesi dell’Alzheimer .L’ipotesi che l’alluminio contribuisca in modo significativo all’Alzheimer si basa su prove sperimentali molto solide e non dovrebbe essere respinta. È necessario adottare misure immediate per ridurre l’esposizione umana all’alluminio.

Commenti