Tasso di mortalità per variante Delta COVID 6 volte superiore per i vaccinati rispetto ai non vaccinati, lo mostrano i dati sanitari del Regno Unito

I ricoveri sono anche più alti tra migliaia di individui completamente vaccinati che risultano positivi alla “variante di preoccupazione” Delta COVID.

Inghilterra, 18 giugno 2021 – Secondo i dati pubblicati da Public Salute Inghilterra venerdì, i tasso di mortalità per la variante Delta COVID è sei volte superiore tra coloro che sono stati completamente vaccinati da due settimane o più rispetto a coloro che non hanno mai ricevuto un’iniezione

26 persone sono morte tra 4.087 che sono state completamente vaccinate 14 o più giorni prima di risultare positive per la variante Delta COVID. Ciò equivale a un tasso di mortalità dello 0,00636%, che è 6,6 volte superiore al tasso di 0,000957 decessi o 34 decessi tra 35.521 casi Delta positivi tra i non vaccinati, secondo i dati pubblicati in un rapporto del 18 giugno intitolato “SARS-CoV-2”. varianti di interesse e varianti oggetto di indagine in Inghilterra, briefing tecnico 16. “ 

Entrambi i tassi di mortalità tra i non vaccinati e i vaccinati sono estremamente bassi (meno dell’uno percento di tutti i test positivi) per una variante che Public Health England descrive come la “variante dominante” nel Regno Unito, che comprende “il 91% dei casi sequenziati”. 

Una valutazione del rischio della variante Delta del coronavirus pandemico pubblicata venerdì lo descrive come più facilmente diffuso tra le persone, ma è anche descritto come una variante con “bassa gravità dell’infezione”.   

I media mainstream si sono aggrappati alla possibilità che la variante Delta stia producendo tassi di ospedalizzazione più elevati in alcune parti della Scozia e dell’Inghilterra rispetto alla “prima ondata” della variante Alpha, ma secondo il rapporto sulla salute pubblica del Regno Unito, questi dati si basano su “prove precoci”. ” e “comprensione limitata del decorso clinico della malattia”. 

Maggiore ospedalizzazione tra i vaccinati 

Poiché i ricoveri sono preoccupanti, le persone completamente vaccinate vengono ricoverate nel Regno Unito a un tasso più elevato rispetto alle persone non vaccinate. Secondo il rapporto tecnico più recente, i dati sulla salute pubblica mostrano che il 2,0 percento degli individui vaccinati (84 su 4.087) che sono risultati positivi alla variante Delta sono stati ricoverati in ospedale (compresi quelli testati all’ingresso in ospedale per qualsiasi altro motivo) rispetto all’1,48 percentuale di individui non vaccinati (527 su 35.521). 

I dati attuali sono in linea con i dati pubblicati la scorsa settimana dall’agenzia di sanità pubblica inglese che ha anche mostrato un tasso di mortalità sei volte maggiore tra i completamente vaccinati rispetto ai non vaccinati e un tasso di ricovero ospedaliero del 2,3% tra quelli completamente vaccinati almeno due settimane prima rispetto a solo l’1,2% tra i non vaccinati. 

Potenziamento anticorpo-dipendente? 

Questo ricorda il fenomeno ADE (aumento dipendente da anticorpi) che è stato visto per altri vaccini e che è stato espresso come un punto di preoccupazione tra molti scienziati per i vaccini COVID”, Stephanie Seneff, ricercatrice senior presso il Massachusetts Institute of Technology Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory ha detto a LifeSiteNews. 

L’ADE ha rovinato i precedenti tentativi di vaccini contro il coronavirus e spesso ha provocato un  aumento della malattia polmonare tra gli  animali da laboratorio vaccinatiHa portato i ricercatori nel 2012 a consigliare agli scienziati di  procedere con “cautela”  per qualsiasi vaccino contro il coronavirus umano che potrebbe portare a una maggiore malattia polmonare. 

Seneff ha affermato che la ricerca ha dimostrato che i vaccini contro il coronavirus alterano i modi in cui i sistemi immunitari rispondono alle infezioni e possono attivare altre infezioni dormienti nella persona vaccinata come il virus dell’herpes, creando sintomi di paralisi di Bell o fuoco di Sant’Antonio .  

“Per me è concepibile che la specificità del laser-beam degli anticorpi indotti sia compensata da un generale indebolimento dell’immunità innata”, ha detto Seneff.  

“Sospetto anche che massicce campagne di vaccinazione possano accelerare la velocità con cui i ceppi mutanti resistenti al vaccino diventano dominanti tra tutti i ceppi di SARS-CoV2 [coronavirus]”. 

Commenti

Lascia un commento