domenica 20 Giugno 2021

Nature: Ecco come fallisce un vaccino e diventa più pericoloso della malattia

Usa il pulsante altro per altre funzioni di condivisione
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Leggimi questo articolo

Un fallimento catastrofico del vaccino che ha ucciso due bambini piccoli avrebbe potuto essere evitato se al vaccino fossero stati aggiunti adiuvanti – sostanze chimiche che innescano il sistema immunitario.

Nel 1966, negli Stati Uniti è stato testato un vaccino contro il virus respiratorio sinciziale (RSV), che infetta quasi tutti i bambini prima che compiano due anni 1 . 

I test hanno avuto conseguenze disastrose: i bambini NON sono stati protetti; molti bambini hanno contratto ugualmente l’RSV, hanno manifestato sintomi peggiori del solito e hanno dovuto essere ricoverati in ospedale; e due bambini piccoli sono morti a causa dei sintomi della malattia aumentati 2 . E non è stato ancora trovato un vaccino sicuro per la malattia.

Da allora, gli studi hanno dimostrato che la formalina, una sostanza chimica utilizzata per uccidere i virus durante la produzione dei vaccini, ha deformato il virus, suggerendo che il fallimento è stato in gran parte dovuto al fatto che il vaccino ha innescato la creazione di anticorpi mal progettati 3 . Ma Fernando Polack, della Johns Hopkins University di Baltimora, nel Maryland, non era convinto. “Doveva essere più della formalina”, dice.

Polack sospettava che potesse essere coinvolta la maturazione dell’affinità, il processo mediante il quale gli anticorpi diventano altamente sintonizzati per dare la caccia a specifici agenti patogeni.

Risposta adiuvante

Per testare l’idea, Polack e il suo team hanno esaminato l’infezione da RSV in due gruppi di topi. Ad un gruppo sono stati rimossi i linfonodi, paralizzando il loro sistema immunitario in modo che la maturazione dell’affinità non potesse aver luogo. Sono stati inoculati con il virus vivo, che non era stato deformato usando la formalina.

In un altro set, hanno esaminato cosa è successo quando i topi sono stati protetti con un vaccino inattivato con formalina, simile al vaccino usato nel 1966, che era stato ottimizzato con agonisti del recettore Toll-like (TLR), adiuvanti che aumentano la maturazione dell’affinità.

Quando la maturazione dell’affinità è stata bloccata, i topi non hanno sviluppato anticorpi protettivi contro l’infezione. Al contrario, quando la maturazione dell’affinità è stata aumentata chimicamente, i topi non hanno sofferto i sintomi della malattia che hanno segnato il fallimento del 1966.

Polack ei suoi colleghi concludono su Nature Medicine che il vaccino del 1966 non ha generato anticorpi protettivi perché il sistema immunitario non era stato adeguatamente innescato 2 . Inoltre, se al vaccino fossero stati aggiunti agonisti TLR, il fallimento avrebbe potuto essere evitato. Purtroppo, nel 1966 non si conoscevano i TLR, afferma Polack.

La svolta del vaccino?

“I risultati di Polack si adattano alla tendenza dell’industria dei vaccini sull’utilizzo di adiuvanti davvero buoni”, afferma Peter Openshaw, direttore del Center for Respiratory Infection presso l’Imperial College di Londra. “Mostrano che puoi fare vaccini migliori essendo selettivi su quali tipi di percorsi attivi”.

I risultati, tuttavia, non porranno fine immediatamente alla ricerca di 40 anni di un vaccino efficace contro la malattia.

Ultan Power, che lavora su RSV presso la Queen’s University di Belfast, avverte che “bisogna prestare molta attenzione nella scelta dell’agonista TLR”, poiché la scelta sbagliata dell’agonista può anche portare al fallimento del vaccino. “A causa di quello che è successo negli anni ’60, c’è una grande preoccupazione per chiunque di correre il primo rischio”, aggiunge Power.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Mentre vari gruppi continuano a lavorare allo sviluppo di vaccini per prevenire l’RSV, i medici hanno un farmaco molto costoso: Synagis (palivizumab), una terapia anticorpale prodotta dalla società biotecnologica MedImmune.

Sfortunatamente, un corso di Synagis costa circa $ 5.000, dice Openshaw, quindi viene somministrato solo a bambini ad alto rischio, come i prematuri, dove l’assicurazione medica copre i costi, come negli Stati Uniti. “MedImmune ha guadagnato enormi somme di denaro su Synagis”, afferma Openshaw.

“Ci sono alcuni vaccini che sono arrivati ​​​​molto facilmente, ma lo sviluppo di un vaccino per l’RSV è molto complicato”, afferma Polack. Ma, aggiunge, è urgentemente necessario un vaccino per la malattia. 

Commenti