STUDIO 2020: I pazienti pediatrici non vaccinati sono complessivamente più sani di quelli vaccinati.

Grande Inganno

DiGrande Inganno

Nov 29, 2020

Traduzione dell’articolo “Relative Incidence of Office Visits and Cumulative Rates of Billed Diagnoses Along the Axis of Vaccination” di James Lyons-Weiler (Institute for Pure and Applied Knowledge, Pittsburgh) e Paul Thomas (Integrative Pediatrics, Portland), pubblicato su International Journal of Environmental Research and Public Health

Introduzione

Abbiamo eseguito un’analisi retrospettiva che copre dieci anni di pratica pediatrica focalizzata sui pazienti con vaccinazione variabile nati nel corso dello studio, presentando un’opportunità unica per studiare gli effetti della vaccinazione variabile sui risultati. L’incidenza totale media delle visite in studio fatturate per esito correlato ai risultati è stata confrontata tra i gruppi (Incidenza relativa delle visite in ufficio (RIOV)). Il “RIOV” ha dimostrato di essere più potente del rapporto di probabilità (l’odds ratio) delle diagnosi.

Le analisi di coorte complete, di incidenza cumulativa, abbinate per giorni di cura e abbinate per storia familiare sono state condotte attraverso i quantili di assorbimento del vaccino. L’aumento delle visite ambulatoriali relative a molte diagnosi era robusto per analisi abbinate ai giorni di cura, storia familiare, blocchi di genere, blocchi di età e rischio di false scoperte.

Molti risultati hanno avuto rapporti di probabilità RIOV elevati dopo l’abbinamento per giorni di cura (ad esempio, anemia (6.334), asma (3.496), rinite allergica (6.479) e sinusite (3.529), tutti significativi sotto il test Z). È stato determinato che i disturbi dello sviluppo sono difficili da studiare a causa della prevalenza estremamente bassa nella pratica, potenzialmente attribuibile agli alti tassi di cessazione del vaccino in seguito a eventi avversi e alla storia familiare di autoimmunità. Sorprendentemente, zero dei 561 pazienti non vaccinati nello studio presentavano un disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) rispetto allo 0,063% dei vaccinati (parzialmente o completamente).

Le implicazioni di questi risultati per gli effetti netti sulla salute pubblica della vaccinazione dell’intera popolazione e per il rispetto del consenso informato sulla salute umana sono convincenti.

I nostri risultati danno spazio a bandi di ricerca condotti da individui indipendenti da qualsiasi fonte di finanziamento relativa all’industria dei vaccini. Mentre i bassi tassi di disturbi dello sviluppo hanno impedito test di ipotesi sufficientemente potenti, è da notare che il tasso complessivo di disturbo dello spettro autistico (0,84%) nella coorte è la metà di quello del tasso nazionale degli Stati Uniti (1,69%). Il tasso di ADHD a livello di pratica era circa la metà del tasso nazionale.

I dati indicano che i bambini non vaccinati non sono in realtà meno sani dei bambini vaccinati e, in verità, i risultati complessivi potrebbero indicare che i pazienti pediatrici in questo studio non vaccinati siano complessivamente più sani in di quelli vaccinati.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Lascia un tuo commentox
()
x